Boom assunzioni badanti regolari

Boom di Assunzioni: Badanti Regolari

Le ordinanze restrittive che in questi giorni si sono susseguite, hanno messo in discussione le nostre vite dalla A alla Z; non più palestre, non più pub, non più luoghi di assembramento, non più ristoranti né bar.
Insomma: niente di niente.

Le strade deserte di questi giorni ci indicano che le ordinanze sono rispettate religiosamente dagli italiani – sebbene qualcuno ancora si ostini a trasgredirle e per il quale le multe stanno diventando sempre più salate: siamo partiti da 200€ e stiamo arrivando a circa 4000€.

Proprio questa pressa ha fatto sì che moltissime  badanti lavoratrici a nero, siano diventate magicamente regolari altrimenti non avrebbero potuto giustificare la loro uscite attraverso “l’autocertificazione”; così scoprendo il meccanismo di lavoro nero e inguaiando le rispettive famiglie che l’avrebbero mandata a fare le faccende.

Effetto ordinanze restrittive per il coronavirus: in questi giorni sono in aumento di oltre il 10% le richieste di assunzione di badanti, colf e baby sitter. Ma quasi tutte sono regolarizzazioni. L’incremento è stato registrato da Nuova Collaborazione, l’Associazione dei datori di lavoro domestico partner di Confindustria e parte attiva della Fidaldo, la Federazione delle associazioni del lavoro domestico.

Su oltre 2 milioni di collaboratori domestici in servizio presso le famiglie italiane, solo più o meno 850mila sono regolarmente assunti. Un lavoro sommerso diffuso a macchia d’olio, da Nord a Sud, con il lavoratori assolutamente privi di qualsiasi tutela. Gli alti costi del lavoro e le pensioni basse sono un a delle cause di questo autentico fenomeno.

“Si tratta per quasi tutti i casi di regolarizzare le posizioni”, ha spiegato Alfredo Savia, presidente di Nuova Collaborazione e della Fidaldo. “La ragione è che molte famiglie temono che le loro colf o le badanti che seguono gli anziani di casa siano fermate dalle forze dell’Ordine con le relative conseguenze. Tutto ciò significa che si sta determinando un effetto emersivo del lavoro nero”. Il decreto del Governo del 22 marzo non sospende il lavoro domestico. Colf, badanti e babysitter, se in possesso di un regolare contratto di assunzione, possono quindi proseguire la loro prestazione. “Da tempo siamo impegnati per l’emersione del lavoro nero – prosegue Savia – anche se in Italia i decisori pubblici non riescono a prendere coscienza del fatto che le famiglie italiane sono anche datori di lavoro, per cui le misure adottate a sostegno della famiglia, non prevedendo per esempio ammortizzatori sociali, ce ne danno l’ennesima conferma. In ogni caso, l’assunzione regolare è la miglior tutela. E conviene”.

Sei alla ricerca di una badante?

AES DOMICILIO (assistenza anziani a domicilio) seleziona la badante che occorre alle vostre esigenze, grazie al nostro team di screening il quale oltre che a vagliare le competenze della badante, cerca, immediatamente, di creare un profilo che possa soddisfare le esigenze.

AES Domicilio ha a disposizione un grande database di badanti nelle province del Nord Italia (badante Brescia, agenzia badanti Verona, badante Como, badante Monza, badante Lecco, ecc.).