Faceapp ci fa apparire anziani

FaceApp: la vecchiaia è di moda (quando è finta) e le badanti

Spopola sui nostri social una mania di “vedersi vecchi” – è qualcosa di insolito e di imprevedibile. Nessuno, venti o trenta anni fa, si sarebbe sognato di vedersi vecchio o di aver bisogno di assistenza a domicilio. oggi, invece, il futuro assume un volto più amico, meno minaccioso.

Ma la perdita della minaccia del futuro è un bene o è un male? Chiedersi come sarò è un bene o è una mania insana? Qui è il punto importante: non ci si chiede, non ci si domanda sulla vecchiaia, ma la si vuole solo vedere.

Vedere è diventato il palliativo e la controfigura del fare e del vivere.

Far vedere, far vivere; far vedere, far fare: questa è anche la logica dei così detti influencer. Ma l’imitazione è stata studiata o è un fenomeno moderno? Contraddiciamo subito: l’imitazione è stata studiata sin dai tempi di Platone, il concetto è poi migrato nell’arte, e ripreso nell’antropologia da René Girard – noi cresciamo perché vediamo crescere.

E i ciechi? Ebbene, il vedere non appartiene solo agli occhi, anzi, è l’ultima cosa che appartiene agli occhi – è la vita. Pensiamo al “Carmide” di Platone.

Ma allora perché le righe sono così seducenti? Perché la vecchiaia stimola la curiosità? Gli Area scrivevano in un testo che si chiama “Gerontocrazia”: “Col potere delle cose posso avere la tua vita controllata e si chiama libertà.”

E’ il vecchio che ha il potere delle cose.

FaceApp: cosa avrebbero detto gli anziani di altri tempi?

Noi vogliamo avere il potere delle cose, vogliamo anticipare ma, come i migliori uomini che vogliono la botte piena e la moglie ubriaca, le vogliamo anticipare “a nostro piacimento”. Vogliamo essere “giovani vecchi”, vogliamo avere l’inavente, vogliamo tutto e lo vogliamo ogni volta che ci pare. FaceApp ha inoltre aperto un’altra piaga, quella relativa alla sicurezza dei dati personali.

Face App è l’estremo tentativo di vedere la nostra faccia morta – questo è un dilemma antichissimo: da Dorian Grey a Blanchot, la faccia morta è il finalmente uscire dal mondo, senza rinunciarci.

Quindi, stiamo attenti con Face App, perché la nostra faccia vecchia è quella più vicina che avremo quando moriremo.

“Le app e i social hanno esasperato il nostro narcisismo. Vedersi da vecchi è una curiosità legittima, il narcisismo è un’inclinazione naturale. Ma lo è anche la nausea, e prima o poi ci si stancherà di tutto questo”. Dice Crepet.

è importante considerare che il nostro narcisismo è aumentato esponenzialmente con questi strumenti. Il narcisismo è una tendenza naturale, e potenzialmente le sue mire sono illimitate. Per soddisfarlo si cerca di ‘inventare’ sempre qualcosa di nuovo.

AES Domicilio è un’Agenzia Assistenza Anziani attiva con le proprie badanti in tutta la Regione Lombardia. Ci trovi in diverse città con specializzazione in Agenzia badanti Monza e Brianza, Badante Como, Badante a Lecco, Badante Bergamo.