covid anziani vicini cari badante

Covid 19 e la Possibilità (non Scontata) di Avere Vicino i Propri Cari

Il covid19 ci ha insegnato una cosa fondamentale: avere i propri cari vicino non è qualcosa di scontato né un dippiù, né qualcosa a cui si può ovviare da un momento all’altro come dire: “mio nonno è in casa di riposo, ma la casa di riposo dista poco, 10 minuti in macchina”. Questa frase circa 2/3 mesi fa sarebbe stata ritenuta ragionevole, eccome! eppure, oggi, non si presenta più così tanto ragionevole, da oggi in poi, di fronte ad una frase del genere, ci sarà sempre qualcuno che dirà: “e se succede come nel 2020 quando c’è stato il covid19 e i nostri cari sono morti soli nella case di riposo, senza nemmeno poter entrare?”.

Ecco, dobbiamo comprendere che stiamo vivendo una transizione epocale, e dobbiamo davvero “cavare l’oro dall’aria che respiriamo”, come se il respiro fosse una miniera.

Nessuno, credo, non avrà da oggi in poi in mente le scene che stanno spopolando sugli schermi di ogni risma e tipo, e credo che questo sia, però, anche un bene. Cosa eravamo diventati? Persone che voglio avere salvi “capra e cavoli”- niente di più, niente di meno, né peggiori né migliori.

Tuttavia questa illusione di avere a portata di mano tutto, si è finalmente manifestata per quello che era, cioè: un’illusione. E se è pur vero che la rottura è stata causata da un’emergenza, ma che non c’è da preoccuparsi perché un’emergenza è rara che avvenga, dovremmo rispondere: è vero, ma certamente questa “rarità” non sarà di certo una consolazione per chi ha visto i propri cari, i pri nonni, i propri madri e le proprie madri, morire così, senza alcun avviso, senza alcuna previsione. L’emergenza è rara ma perché rischiare di confermare la regola sulla pelle dei propri cari.

Ecco, dunque, che è sempre bene affidarsi al sistema dell’assistenza a domicilio: non rompere il contatto con i propri significa continuare a viverli, la distanza o in un modo o in un altro, raffredda. Un antico detto diceva: “chi sta vicino al fuoco si riscalda, chi sta lontano no”: i legami di sangue non si fondano solo sulla vicinanza, certo, ma si approfondiscono, altrimenti non si evolvono: viversi è fondamentale.

E non è scoperta d’oggi che gli scienziati affermino che per i pazienti ammalati di Alzheimer proprio cambiare il proprio ambiente rischia di essere deleterio e di causare un crollo psichico non indifferente, perché ricordando a stento ciò che ha sempre fatto ed i luoghi dove ha sempre vissuto, figuriamoci aprirsi ad un nuovo apprendimento: perché è di questo che si tratta: far apprendere ad un malato di Alzheimer cose nuove, anzi nuovissime: è pazzesco. Ecco perché AES DOMICILIO non solo offre un’assistenza domiciliare professionale, ma sceglie le persone più adatte proprio in base alle patologie che la badante si ritroverà ad affrontare, per evitare ogni tipo di approssimazione.

Sei alla ricerca di una badante o di un aiuto per la gestione amministrativa della tua badante?

AES Domicilio è attiva con le proprie badanti in tutta la Regione Lombardia ed in particolare nelle province di Milano (badanti Milano), Agenzia badanti Monza e Brianza, Badante Como, Lecco, Bergamo, Badante Pavia.
Siamo anche presenti attraverso i nostri uffici o i nostri partner in franchising ad esempio in Emilia Romagna: Badante Bologna, badanti Modena, ed in molte altre province del Nord Italia.