badanti lavoro nero aes domicilio

Il lavoro in nero causa perdite economiche

Lo stato perde circa 3 miliardi di gettito fiscale ogni anno sulla base dello studio di Assindatcolf e Fondazione studi consulenti del lavoro.

Per quanto concerne l’assunzione di colf e badanti, le famiglie lamentano spesso i costi troppo elevati con la prospettiva di ottenere qualche risparmio. Tuttavia gli accertamenti, le denunce e le sanzioni aumentano costantemente senza calcolare le conseguenze penali. Occorre dunque che il governo tenga presente questi dati per poter redigere normative in grado di garantire interventi importanti, così da implementare la riduzione dei contributi e le agevolazioni per l’assunzione delle colf e delle badanti conviventi.

Saranno le famiglie ad assumersi i rischi maggiori in caso di lavoro nero poiché, a fronte di un risparmio proseguiranno nell’alimentare un lavoro irregolare con tutte le conseguenze pecuniarie e penali del caso. Senza contare il fatto che il lavoratore potrebbe rivalersi contro di loro sommando ai rischi penali anche quelli di un indennizzo civile.

Avere una colf su giornata o una badante ad ore per l’assistenza domiciliare di un parente allettato ad esempio, non può essere un lusso. Tuttavia in caso di contenzioso con un lavoratore a nero le famiglie spenderebbero meno perché le sanzioni sarebbero di 500 euro e poi ci sarebbe anche da risarcire il lavoratore ed eventualmente i costi della conciliazione con annesse spese legali. Nonostante la somma del totale possa essere ingente, alle famiglie non conviene regolarizzare il lavoratore.
Tuttavia in caso di lavoro nero di un lavoratore senza permesso di soggiorno, la sanzione pecuniaria sarebbe di 5000 euro e allora lì le cose cambiano.

Le misure messe in campo dal governo contemplano una deduzione dei contributi versati fino ad un massimo di 1549,37 euro all’anno e la detrazione di 2100 euro l’anno dalla retribuzione sostenuta per le badanti e le colf ad ore. Si tratta tuttavia di una misura inefficace, perché questa possibilità va applicata soltanto al contribuente che abbia un reddito inferiore ai 40000 euro, per tutte le famiglie che hanno un reddito superiore, a fronte delle medesime sanzioni, non è possibile detrarre nessuna spesa per la contribuzione delle badanti.

Se cerchi una badante, affidati ad AES Domicilio, agenzia di selezione badante in 24 ore. Disponiamo di tariffe badanti estremamente competitive e siamo attivi su tutta la Lombardia, in particolare nelle province di Milano se cerchi Badanti a Milano, Badante Monza, Badante Como, Badante Lecco.