Esonero Canone Rai per Badanti

Dal 1° Gennaio 2016 tutti i contribuenti in possesso di un apparecchio televisivo sono obbligati al pagamento del canone RAI sulla bolletta della luce: anche per il 2023 è prevista questa modalità e l’importo del canone per l’intero anno è pari a 90 euro.
La badante entra a far parte del nucleo familiare della persona anziana che va ad assistere se convivente.

Ma chi può considerarsi esonerato da questo balzello?

Gli ultrasettantacinquenni con reddito non superiore a determinate soglie.

 

I cittadini che hanno compiuto 75 anni, con un reddito annuo proprio e del coniuge non superiore complessivamente a 8.000 euro e senza conviventi titolari di un reddito proprio (fatta eccezione per badanti) possono presentare una dichiarazione sostitutiva (sezione I dell’apposito modello) con cui attestano il possesso dei requisiti per essere esonerati dal pagamento del canone TV.

 

L’agevolazione compete se nell’abitazione di residenza si possiedono uno o più apparecchi televisivi, mentre non compete nel caso in cui l’apparecchio televisivo sia ubicato in luogo diverso da quello di residenza.

L’agevolazione spetta:
per l’intero anno se il compimento del 75° anno è avvenuto entro il 31 gennaio dell’anno stesso
se il compimento del 75° anno è avvenuto dal 1° febbraio al 31 luglio dell’anno, l’agevolazione spetta per il secondo semestre.

I soggetti che hanno presentato la dichiarazione sostitutiva, se le condizioni di esenzione permangono, possono continuare a beneficiare dell’agevolazione anche nelle annualità successive, senza procedere alla presentazione di nuove dichiarazioni.

 

Vuoi sapere quanto costa una badante? AES Domicilio (assistenza anziani a domicilio) è attiva con le proprie badanti in tutta la Regione Lombardia, in Emilia-Romagna, in Lazio ed in particolare nelle province di Milano, Modena, Bologna e Roma se cerchi Badanti a MilanoBadante a MonzaBadante a ComoBadante a LeccoBadante ModenaBadante Bologna e Badante a Roma.