Badanti straniere assunzione

Lo strano caso delle badanti straniere: occhio all’assunzione

Vi ricordate lo strano caso delle badanti cinesi? Più di 33 mila collaboratori domestici della Repubblica popolare candidati al permesso di soggiorno. Una cifra anomala: furono presentate circa 65.000 domande su 30 mila ingressi disponibili». Significa che la probabilità di vedere accolta la richiesta è quasi del 50 per cento e che dunque potrebbe «entrare» in Italia una schiera di 15 mila lavoratori domestici cinesi.

Gli «arrivi» non sono chiaramente privi di conseguenze, essi si trasformano nell’emersione di situazioni di irregolarità. Lo dimostrano pure i dati del 2009 circa il lavoro domestico: a guardare le cifre si scoprono 21 mila domande cinesi. Delle quali solo 11 mila sono state valutate corrette, e accolte.

Questo è quello che si rischia quando non ci si affida ad una società competente, quando non si conosce la legge prima di “accasarsi” lavoratori irregolari e senza alcuna garanzia.

Proprio così, quello che si rischia quando non si conosce chi assumiamo, è che si rinuncia ad una selezione preventiva che individua le badanti con requisiti di competenza e professionalità.

Badanti: affidatevi alla nostra esperienza!

AES Domicilio, infatti, tiene molto a questa fase iniziale per consentire una ricerca specifica e in base alle richieste delle famiglie. Occorre stare attenti quando ci si vuole occupare della vita dei nostri cari: dare lavoro a chi si spaccia come badante con esperienza non è una passeggiata: non sappiamo chi ci troviamo di fronte, non conosciamo le sue intenzioni, le sue reali capacità. Chiamare una agenzia che riesca ad individuare proprio ciò che fa per voi, in base alla malattia, in base alle esigenze familiari, è essenziale ed è ciò che sappiamo far meglio grazie alla nostra esperienza!

Nonostante i casi di badanti italiani e badante italiane stiano aumentando, il pregiudizio nei confronti delle badanti straniere resta; soprattutto la visione della badante cinese si immette in quella legge di mercato per cui dalla Cina si dice provenga sempre una “brutta copia” di ciò che vi è in Europa. E se il pregiudizio è ben radicato nei confronti delle badanti straniere, ecco che le badanti cinesi si ritrovano in mezzo ad una discriminazione al quadrato.

Tuttavia la nostra politica è sempre stata quella della professionalità: a prescindere dalla nazionalità, è la competenza ciò a cui badiamo affinché i vostri cari siano tutelati al meglio, e questo è anche un invito alle famiglie.

Cerchi una badante?

AES DOMICILIO seleziona la badante che occorre alle vostre esigenze, grazie al nostro team di screening il quale oltre che a vagliare le competenze della badante, cerca, immediatamente, di creare un profilo che possa soddisfare le esigenze.

AES Domicilio ha a disposizione un grande database di badanti nelle province del Nord Italia (badante Brescia, agenzia badanti Verona, a Como, badante Monza, badante Lecco, ecc.).