Badante nero vittima

Badante a nero: quando è la badante ad essere vittima

Più volte AES si è interessata circa il fenomeno delle “badanti a nero”, mettendo subito in luce la cattiva politica che purtroppo in Italia è ancora viva e vegeta; cioè quella politica per cui si ritiene che assumendo una badante a nero si risparmi e si possano decurtare spese “considerate inutili”.

Il più delle volte le badanti accettano questa vera e propria ingiustizia anche con l’inganno di guadagnare di più, ma come è risultato anche dalle molte interviste da noi condotte, alla fine, le badanti si pentono tutte d’aver condotto questo stile di lavoro, in quanto si rendono conto di non avere niente da parte per il futuro, è alcuna sicurezza di tipo sanitario assicurativo, né tantomeno economico.

Badante a nero: la sentenza

Tuttavia  da oggi in poi, la colf in nero potrà incastrare molto più facilmente chi non vuole regolarizzarla. Difatti, con una sentenza rivoluzionaria che la Cassazione ha emesso poche ore fa, i giudici hanno ammesso l’utilizzo, da parte della collaboratrice domestica, di registratori e telecamere in casa del proprio datore di lavoro. Lo scopo, ovviamente, è precostituirsi la prova per un successivo processo nel quale chiedere arretrati, buonuscita e ferie.

Due sole sono le condizioni poste dai giudici supremi per evitare un’incriminazione per violazione della privacy: la collaboratrice domestica deve essere fisicamente presente, mentre la telecamera è in modalità “on”; inoltre, nell’occhio del dispositivo, non devono finire scene di vita privata.

Ben venga, quindi, la possibilità di usare dispositivi di registrazione in casa altrui anche se non autorizzati, ma con queste due semplici cautele. Non importa che nei filmati finiscano i mobili, l’arredo, magari dell’argenteria o l’interno dei guardaroba con la biancheria intima: non c’è alcuna interferenza nella vita privata (reato punito dall’articolo 615 bis del Codice penale) se non si filmano momenti privati, non strettamente attinenti al lavoro della domestica.

La prova video è, dunque, valida e può essere usata nel corso del processo di lavoro.

Dall’altro lato e di converso, la Cassazione ha sempre qualificato come reato il comportamento del padrone di casa che spia la colf o la badante lasciando una telecamera nascosta: si tratta di una violazione delle norme dello Statuto dei lavoratori che vietano il controllo a distanza dei dipendenti.

Ed è stata sempre la Cassazione a spiegare, in passato, che il titolare dell’immobile non può lasciare un registratore o un altro dispositivo video per filmare conviventi o anche ospiti occasionali se lui, in quel momento, si allontana: la sua assenza genera nei terzi la convinzione di non essere visti o sentiti, concedendo loro quel margine di privacy che non si può violare

AES DOMICILIO seleziona badanti ad hoc, molto competenti, soprattutto ha un vasto ventaglio di scelte tra “badante ad ore”, “badante h24”, o “badante di notte”.

Sei alla ricerca di una badante?

AES Domicilio è attiva con le proprie badanti in tutta la Regione Lombardia ed in particolare nelle province di Milano, Agenzia badanti Monza e Brianza, Como, Lecco, Bergamo e Pavia.
Siamo anche presenti in tutto il Nord Italia, attraverso i nostri uffici o i nostri partner in franchising ad esempio in Liguria: Agenzia Badanti Imperia e Savona ed in molte altre province del Nord Italia.