green pass vaccini obbligo badanti colf

Le badanti e il Green Pass

In questo periodo di pandemia Aes Domicilio seleziona badanti (badante convivente e badante ad ore), in possesso del regolare Green Pass per poter lavorare tranquillamente in ogni famiglia.

Risulta che il 91,9% delle famiglie-datori di lavoro (cioè 846.143) aveva una badante in possesso di Green Pass al momento dell’entrata in vigore del relativo decreto lo scorso 15 ottobre. Il 69,7% di coloro che invece avevano un badante  sprovvisto di Green Pass -ossia l’8,1%- ha provveduto ad ottenerlo nei giorni successivi, affidandosi in alternativa alla pratica dei tamponi secondo le modalità del decreto. Numeri che descrivono chiaramente, a livello generale, il senso di responsabilità dei datori di lavoro e delle badanti al tema del Green Pass.

C’è però una fascia di badanti non volenterose ad avere il green pass per cui il 26,9% delle famiglie ha deciso di sospendere la badante non adempiente all’obbligo stabilito dal decreto e il 30,8%, pur con rammarico, ha provveduto al licenziamento.

Il dato preoccupante che Aes Domicilio ha evidenziato è che il 42,3% dei datori di lavoro che si sono trovati loro malgrado in situazione di irregolarità ha deciso di mantenere inalterato il rapporto di lavoro pur consapevole di rischi e delle possibili sanzioni.

“Le motivazioni possono essere le più diverse -commenta il presidente nazionale di Nuova Collaborazione, avv. Alfredo Savia-, ma riflettono una situazione di forte disagio soprattutto sul fronte dell’assistenza alle persone più fragili, anziani non autosufficienti , quando il potere contrattuale del datore di lavoro si riduce per via della condizione di necessità. In tutta Italia ci adopereremo per sensibilizzare e aiutare i soci in queste situazioni. Ma il fenomeno rischia di essere anche più diffuso, considerando che nel nostro Paese si stimano almeno un milione di rapporti di lavoro in nero. Le autorità competenti dovrebbero mettere in atto misure più puntuali e capillari di controllo”.

Infine, le alternative poste in essere nei casi di sospensione o licenziamento, il 46,7% ha risposto di aver trovato un’altra badante regolarmente provvista di Green Pass, mentre il 53% ha deciso di rinunciare al lavoratore.

Appoggiandovi ad Aes Domicilio troverete un personale pronto a selezionare la badante per i vostri familiari convivente o su giornata,  provvista di tutta la documentazione di regola, anche di Green Pass.

Vuoi sapere quanto costa una badante? AES Domicilio (assistenza anziani a domicilio) è attiva con le proprie badanti in tutta la Regione Lombardia ed in particolare nelle province di Milano (badante Milano) se cerchi Badanti a Milano, Badante Monza, Badante Como, Badante Lecco.