badante aiuta

L’attività motoria tra badante e anziano, alcune raccomandazioni

Aes Domicilio è un’associazione e, grazie ai servizi per la cura e l’assistenza dei vostri cari può garantire, tramite il sostegno quotidiano delle badanti ad ore o badanti conviventi, un vissuto migliore. L’attività fisica, insieme ad una corretta alimentazione, costituisce la premessa per un’ ottimale strutturazione e conservazione della persona. È sufficiente camminare di buon passo almeno un’ ora al giorno, salire e scendere le scale e/o andare in bicicletta.

Nelle persone d’età più avanzata, sentito il preliminare parere del medico, sono anche da evitare gli esercizi che comportano flessione forzata in avanti della colonna vertebrale e le attività e i movimenti che richiedano il sollevamento di carichi pesanti. L’attività fisica nell’anziano, se seguita con prudenza e nel modo dovuto, è di grande importanza anche per prevenire o ritardare problemi circolatori e articolari.

Il miglior tono muscolare, l’agilità e l’equilibrio che ne conseguono, sono ulteriori elementi di prevenzione delle fratture da osteoporosi, in quanto possono far evitare la caduta o contenerne l’impatto. Migliorare la circolazione, rinforzare e preservare le articolazioni, sono fattori da non trascurare durante la vita o le sedute di fitness, soprattutto con l’avanzare dell’età. Per svolgere questo allenamento è necessario avere a disposizione una sedia e una pallina da tennis. Il workout si svolge sulla sedia e pertanto risulta adatto pure ai soggetti che faticano a sdraiarsi o ad alzarsi da un tappetino posto al suolo.

Alcuni Suggerimenti

Alcuni esercizi sono mirati ad ottenere una buona postura, la forza, il movimento, la flessibilità e l’equilibrio in persone che soffrono di osteoporosi. In caso di densità ossea molto bassa o di una frattura recente, occorre discutere questi esercizi con il fisioterapista e con il medico referente. Ricordarsi sempre di evitare tutte le attività che richiedono la flessione in avanti del tronco o torsione eccessiva della colonna vertebrale.

Un po’ di indolenzimento muscolare dopo l’attività fisica è normale, ma nessuno di questi esercizi deve causare dolore durante l’esecuzione. Per gli esercizi da eseguire distesi a terra, si consiglia di mettere una coperta o un tappetino. Se si hanno difficoltà nel sdraiarsi a terra si possono fare su un letto.

Gli esercizi di seguito sono così suddivisi:

  • Esercizi di postura. Questi esercizi migliorano la postura e l’atteggiamento delle spalle. Essi possono aiutare a ridurre il rischio di fratture, in particolare della colonna vertebrale.
  • Esercizi di rinforzo dell’anca e della schiena. Questi esercizi possono aiutare a rafforzare i muscoli della schiena e dei fianchi.
  • Esercizi di rinforzo dei muscoli delle gambe e miglioramento dell’equilibrio.
  • Esercizi funzionali. Questi esercizi migliorano la capacità di movimento. Possono aiutare nelle attività di tutti i giorni e diminuire le probabilità di cadute. Ad esempio, se si fatica ad alzarsi da una sedia o a salire le scale, dovrebbero essere effettuati questi esercizi. Il supporto quotidiano dei nostri specialisti può rendere tutto più agevole affinché i vostri cari non perdano l’abitudine di muoversi e di continuare ad utilizzare la propria forza muscolare: ciò può renderli più sicuri e meno rassegnati alla monotonia.

Per leggere altri approfondimenti sul mondo delle badanti, oppure se vuoi scoprire come mettere in regola la tua badante e quali sono tutti i passaggi burocratici da rispettare, contattaci! Con Aes Domicilio siamo attivi in tutta la Regione Lombardia ed in particolare nelle province di Milano (badante Milano) se cerchi Badanti a Milano, Badante Monza, Badante Como, Badante Lecco. Siamo presenti con i nostri partner in franchising anche nella Regione Lazio e in particolare in provincia di Roma (badante Roma).