La malattia Covid

Come retribuire i dipendenti in caso di malattia? Aes Domicilio conosce molto bene la risposta tante le volte che le badanti domandano:

La risposta? La retribuzione in malattia dipende dal CCNL di pertinenza.

La retribuzione dei dipendenti in caso di assenze per malattia è un argomento spinoso.  Aes Domicilio cerca di spiegare le varie situazioni legate alla malattia; l’indennità di malattia è una cifra corrisposta al dipendente che  costituisce una forma di sostentamento a lui destinato.

L’INPS interviene dal quarto giorno consecutivo di malattia, i primi tre giorni solo a carico del datore di lavoro. Come da comunicazione dell’INPS, l’indennità non è prevista nei confronti delle badanti conviventi o badanti ad ore.

Impossibile non menzionare la possibilità che il motivo della malattia del dipendente sia il Covid-19: in questo caso la regola vale, e il badante deve ottenere un certificato di malattia dal proprio medico curante.

L’INPS equipara questo tipo di malattia alle altre, riconoscendo dunque l’indennità. Aggiungiamo l’equiparazione della quarantena alla malattia, ai fini del trattamento economico previsto dal CCNL di riferimento.

All’insorgere della malattia, il badante deve farsi rilasciare dal proprio medico curante il certificato di malattia: sarà cura del medico stesso trasmettere l’attestato all’INPS; grazie al certificato telematico, il lavoratore è esonerato dall’inviare il certificato al proprio datore di lavoro.

Adesso bisogna trattare la questione malattia in epoca Covid, Aes Domicilio precisa come da legge che, da un lato c’è  il caso del badante privo di green pass all’accesso al luogo di lavoro e collocato in assenza ingiustificata senza diritto alla retribuzione a norma di legge e dall’altro lato il caso del badante, in possesso di green pass all’accesso dal luogo di lavoro e che entra in stato di malattia senza aver mai mancato l’esibizione del green pass all’accesso al luogo di lavoro.

Qualsiasi badante in possesso di green pass all’accesso ai luoghi di lavoro, e che non è mai risultato privo di Certificazione Verde Covid-19 all’accesso al luogo di lavoro, non ha alcun problema ad aver diritto  all’indennità di malattia, all’integrazione datoriale se prevista dal CCNL, in generale alla retribuzione contrattuale, nel caso di evento morboso ed invio al datore di lavoro del certificato di malattia.

E pertanto, avendo ottemperato sempre agli obblighi di legge, non ha alcun problema in materia di diritto alla malattia in caso di evento morboso. Il rapporto di lavoro si svolge normalmente, con diritti e doveri del datore di lavoro e del lavoratore in materia di malattia (visita fiscale, retribuzione carenza e indennità di malattia in busta paga ecc.).

Il badante privo di green pass all’accesso al lavoro: niente malattia e indennità.

Appoggiandosi ad Aes Domicilio si è sicuri di avere una badante oltre che preparata, anche con Green Pass.

Vuoi scoprire come mettere in regola la tua badante? Contattaci! Con Aes Domicilio siamo attivi in tutta la Regione Lazio e in particolare nella città metropolitana di Roma (badante Roma). Siamo presenti con i nostri partner in franchising anche in Lombardia ed in particolare nelle province di Milano (badante Milano) se cerchi Badanti a Milano, Badante Monza, Badante Como, Badante Lecco.