badante colf mediatore aes domicilio

La badante per gli anziani in Europa

Nel 2030 gli anziani costituiranno un quarto della popolazione complessiva degli attuali paesi dell’Unione Europea.

Il fenomeno dell’invecchiamento della popolazione che da diversi decenni interessa l’Europa e in particolare l’Italia, comporta una crescente pressione dal lato delle cure, che coinvolgono spesso la sfera familiare. Ciò è particolarmente valido per i Paesi mediterranei, fra cui l’Italia, che hanno affrontato le esigenze di una popolazione che invecchia in ritardo rispetto ai Paesi del Nord Europa.

L’assistenza a domicilio degli anziani non autosufficienti è, oggi, la modalità assistenziale privilegiata da tutti i governi sia per contrastare il rischio di istituzionalizzazione sia per garantire agli anziani una migliore qualità della vita. Gli obiettivi adottati dai vari paesi in relazione alla promozione dei servizi domiciliari sono migliorare la qualità della vita degli anziani e alleviare le famiglie di parte del carico assistenziale;  realizzare delle economie di spesa;  sostituire con l’assistenza domiciliare altre modalità e luoghi di cura.

Dopo la Danimarca e l’Islanda, il paese in cui si registra il maggior numero di anziani assistiti a domicilio è la Norvegia. La maggior parte dei comuni (80%) fornisce un’assistenza domiciliare 24 ore su 24, grazie all’impiego di un elevato numero di badanti conviventi. I servizi di home care includono la pulizia, gli acquisti, la cucina, la lavanderia e l’igiene personale per chi non può affrontarli nella propria casa.

I servizi domiciliari sono molto sviluppati anche in Olanda.  La Francia, vive una esperienza di scarsa integrazione fra i servizi domiciliari sociali e sanitari. La tendenza generale è comunque quella di una intensificazione delle prestazioni domiciliari sia di tipo sociale che sanitario rivolta agli anziani per evitare o per rinviare il rischio di ricovero nelle strutture residenziali od ospedaliere.

Mentre i servizi domiciliari crescono cambiano anche i loro contenuti. In questi ultimi anni si sono fortemente ridimensionate le mansioni di pulizia della casa da parte del servizio domiciliare mentre sono fortemente aumentate le attenzioni per la cura della persona.

Quindi per riepilogare la presenza delle badanti nell’Europa, le nazioni del nord d’Europa che assistono al domicilio un alto e crescente numero di anziani, con servizi di qualità che prevedono prestazioni integrate sociali e sanitarie, erogate 24 ore su 24, e con l’utilizzo delle moderne tecnologie telematiche ed informatiche. Ad un livello intermedio troviamo molti e grandi paesi come il Regno Unito, la Francia e la Germania che assistono un discreto numero di anziani compreso fra il 3 e il 10% interessate, in questa fase, a dare efficienza e qualità al settore attraverso la costruzione di mercati sociali pur senza essere ancora riusciti ad integrare il settore sociale con il sanitario. I paesi del sud d’Europa invece presentano tutti una bassa percentuale di anziani assistiti al domicilio che non supera il 3%.

Per leggere altri approfondimenti sul mondo delle badanti, oppure se vuoi scoprire come mettere in regola la tua badante e quali sono tutti i passaggi burocratici da rispettare, contattaci! Con Aes Domicilio siamo attivi in tutta la Regione Lombardia ed in particolare nelle province di Milano (badante Milano) se cerchi Badanti a Milano, Badante Monza, Badante Como, Badante Lecco. Siamo presenti con i nostri partner in franchising anche nella Regione Lazio e in particolare in provincia di Roma (badante Roma).