Anziano badante Vacanza

La Badante in Vacanza con l’assistito

L’estate è ormai iniziata e per molti è tempo di andare in vacanza e prendersi qualche giorno di relax.

Chi desidera conciliare i bisogni di tutta la famiglia può scegliere delle soluzioni ad hoc, dei pacchetti completi che comprendono tante esigenze per anziani, adulti e bambini.

Dal mare alla montagna, molte sono le possibilità: nelle località di mare è possibile affittare un appartamento in cui lasciare i bambini giocare sulla spiaggia e i propri cari tra le mura domestiche.

Con l’occasione è una soluzione ideale portare con se la badante in modo da conciliare sicurezza e svago.

Se avete paura di lasciarli in città potete portare con voi la badante convivente in modo che possa prendersi cura di lui costantemente mentre voi siete sulla spiaggia.

Per leggere altri approfondimenti sul mondo delle badanti, oppure se vuoi scoprire come mettere in regola la tua badante e quali sono tutti i passaggi burocratici da rispettare, contattaci! Con Aes Domicilio siamo attivi in tutta Italia ed in particolare nelle province di Milano (badante Milano) se cerchi Badanti a Milano, Badante Monza, Badante Como, Badante Lecco e Badante Roma.

La montagna è un’altra soluzione ideale per chi non ama il mare ma voglia stare al fresco: anche qui è possibile prendere una casa adatta alle vostre esigenze: per gli anziani è un ambiente ideale per combattere il caldo e stare in compagnia della natura.

Persone con una certa età che magari sono gravate da patologie croniche. Sicuramente a loro, come a tutti, un periodo di riposo a contatto con la natura non può che giovare alla psiche e alla salute fisica in generale.

Soprattutto in caso di malattie psicologiche il contatto con la natura è un vero toccasana, ma chiaramente con tutte le accortezze per mantenere i contatti costantemente: il telefono può non prendere e le passeggiate è sempre bene farle in compagnia senza lasciarli mai da soli.

Occorre scegliere un luogo che non superi gli 800-1000 metri d’altezza, poiché l’organismo, a causa della ridotta presenza di ossigeno, ha più difficoltà ad adattarsi. A 1000 metri d’altezza, la pressione parziale di ossigeno nel sangue diminuisce del 10-15 per cento, provocando un aumento del battito cardiaco e una respirazione più rapida.

Questa situazione può dare problemi a tutti gli anziani, in particolare ai cardiopatici.

Occorre sempre premunirsi prima di partire con gli anziani.